Notizie

Home
Camminare, Pensare
Walking Thinking
Sentiero
Le Grotte
Testimonianze
Viso nella Roccia
Benedizione
Raccolta foto
Brain Walking
Rassegna Stampa
Fotostoria
Poesie
Pensieri dalla vetta
Appuntamenti
Links
Contatti
Disegni
Notizie

 

NOTIZIE DAL TREKKING


Da oggi chi si trova a camminare nei pressi di Passo Rolle, vicino alle Pale di S. Martino, può trovare la statua del “Cristo Pensante”. E’ stata posizionata, assieme ad una croce visibile anche dal passo, sulla cima Castellazzo, a 2333 metri, sullo spartiacque tra la valle di Fiemme e il Primiero, nel comune di Tonadico. La statua è opera dello scultore Paolo Lauton, la croce di Pierpaolo Dellantonio, entrambi di Predazzo. A portare il manufatto in quota ci ha pensato un grosso elicottero CH 47 “Chinook”, del 1° Reggimento “Antares” dell’aviazione dell’Esercito, di stanza a Viterbo. 

Il  Trekking del “Cristo  pensante” è un’idea dell’istruttore di Nordic Walking Pino Dellasega che si è realizzata grazie alla collaborazione tra l’APT della Val di Fiemme, l’APT di San Martino di Castrozza, Passo Rolle e Vanoi e l’Ente Parco Naturale di Paneveggio Pale di San Martino.

 Il Trekking riprende una tradizione di fede polacca vuole  essere  un  invito  alla  meditazione e a riappropriarsi del proprio tempo
 abbandonando  per  un  momento  la  frenesia  del quotidiano e gustando lo  scenario incantevole che la natura sa offrire da quelle parti.  Il  comitato  che  ha  voluto l’opera spera anche che serva per avvicinare  ulteriormente  le  persone,  soprattutto  i  giovani, alla montagna e alla  fede.

 La  realizzazione  della  statua, ricavata da un blocco di un marmo bianco  locale chiamato  predazzite,  ha  richiesto  sei  mesi  di lavoro e molta  attenzione, essendo il materiale piuttosto friabile e tradizionalmente più  adatto  a lapidi e capitelli che a sculture di 2500 chili di peso. Un peso  che   per  il  trasporto  dal  passo  alla  cima  ha  richiesto  tutta  la  preparazione  e  l’abilità dei sette uomini dell’equipaggio del “Chinook”,  decollato da Bolzano.

croce-in-volo.JPG Non  era  semplice infatti piazzare i due manufatti su una cima esposta al  vento  e  con  poco  spazio  di manovra. In particolare per la croce, meno  pesante con i suoi 700 chili circa, ci è voluta una grande attenzione. Non  era  facile  collocarla  esattamente sui supporti di sostegno. Grazie alla  bravura  del  pilota,  che  ha  tenuto il grosso elicottero quasi immobile  sulla  vetta, in hovering nel gergo dei piloti, è andata bene già al primo  tentativo.

 In caso di necessità era pronto a intervenire un più piccolo e maneggevole  mezzo del Nucleo Elicotteri della Provincia autonoma di Trento.
 Quello del reggimento “Antares”, l’unico in Italia ad avere in dotazione i  grossi  CH  47,  è  personale  addestrato  sia  a  missioni  di guerra, in  particolare  per  il  trasporto  di  truppe  e  materiale,  che,  tiene  a  sottolineare  il maggiore Zefferino di Prospero che comandava il velivolo,  di protezione civile, antincendio o, come in questo caso, di supporto alle  esigenze logistiche di enti pubblici o della comunità.

Federica Cerri  Ufficio Stampa APT Fiemme


 


Il 31 agosto 2009 Monsignor Giovanni d’Ercole, capoufficio della segreteria di Stato Vaticana ha fatto visita al Cristo Pensante sul Monte Castellazzo. Ad accompagnarlo oltre all’amico Paolo Brosio e l’ideatore del Trekking Pino Dellasega vi era anche la medaglia d’oro olimpica Franco Nones e signora.

Sono stati dei momenti intensi di spiritualità dove Don Giovanni d’Ercole dopo la recita dei Salmi ha espresso ai presenti il suo apprezzamento al Cristo Pensante dandone anche una spiegazione teologica evidenziando soprattutto il senso forte del significato della terra che è direttamente collegata al cielo con la croce e ancor  più evidente in un contesto naturale stupendo quali le Dolomiti. Mai come in questo periodo diventa importarte ritrovare i momenti di pensare.

Numerosi tra i presenti gli amici della Madonna di Medugorje tra i quali i coniugi Stedile e Barbara Maturi di Madonna di Campiglio, Don Alberto, l’editore Alvaro Mascioni, i coniugi Jager  e l’avv. Merlo.

La presenza del sacerdote direttamente proveniente dal Vaticano al Cristo Pensante ha rappresentato un importante tappa in questo inizio di percorso spirituale che in appena due mesi e mezzo ha già portato sulla vetta per ammirarlo e pregare diverse migliaia di persone e fedeli.

Piena di significato la dedica lasciata sul libro di vetta da Don Giovanni d’ercole che riportiamo in versione integrale qui

 


 I FOCOLARINI E SPORTMEET al CRISTO PENSANTE 

In ritiro in Val di Fassa, Paolo Crepaz e tutti i responsabili del movimento sportivo dei FOCOLARINI, vale a dire quelli che portano avanti il progetto SPORTMEET, zaini in spalla e tanta voglia di camminare ed hanno raggiunto insieme a Pino Dellasega Passo Rolle. Lungo il trekking hanno raggiunto il Cristo Pensante in una camminata amichevole. Tra i presenti l’anziano ma grintoso Don Mario, ora responsabile spirituale  del Centro dei Focolari di Loppiano, e Silke, la moglie di Karl Unterkircher lo scalatore deceduto lo scorso anno sul NANGA PARBAT. Al Cristo Pensante sono arrivati pure i figlioletti di Karl che da papà hanno sicuramente preso grinta e passione per la montagna.


L’Assessore Lia Beltrami Giovanazzi e i Vigili del Fuoco di San Martino al Cristo Pensante

 

Inaspettato quanto gradito è stato l’incontro che ho avuto sabato 12 settembre 2009. In visita al Cristo Pensante l’Assessore alla Solidarietà Internazionale e alla Convivenza della Provincia di Trento LIA BELTRAMI GIOVANAZZI insieme ad una folta rappresentanza dei  validi VIGILI DEL FUOCO DI SAN MARTINO DI CASTROZZA. Di certo la data non era casuale in quanto il giorno prima cadeva l’anniversario della grande tragedia delle Torri Gemelle. Sicuramente il pensiero del Cristo Pensante sarà andato a quella immane tragedia che non lascerà mai i nostri ricordi.

Momento commovente ed emozionale sono state le parole di Lia Beltrami che si sono concluse con l’invito alla preghiera per tutti i caduti ed in particolare riguardo agli appartenenti ai Corpi dei Vigili del Fuoco di tutto il Mondo e a tutte le vittime del terremoto dell’Abruzzo.

Sono rimasto particolarmente colpito quando il capo dei Vigili del Fuoco mi ha chiesto se poteva attaccare sul libro di vetta la foto di MICHAEL DERMOTT MULLAN uno dei tanti pompieri che si sono sacrificati nell’attacco alla WORLD TRADE CENTER l’11 settembre del 2001. La richiesta ai Vigili del Fuoco di San Martino di Castrozza di portare la foto di Michael al Cristo Pensante è pervenuta direttamente dalla sua Mamma che vive a New York. Per la storia del Cristo Pensante questo sicuramente sarà un giorno importante da ricordare anche in futuro e la conferma di quanto questo Cristo posto in cima ad una vetta sappia attirare i pensieri da tutte le parti del Mondo. (Pino Dellasega)