Camminare, Pensare

Home
Camminare, Pensare
Walking Thinking
Sentiero
Le Grotte
Testimonianze
Viso nella Roccia
Benedizione
Raccolta foto
Brain Walking
Rassegna Stampa
Fotostoria
Poesie
Pensieri dalla vetta
Appuntamenti
Links
Contatti
Disegni
Notizie

 

 

Le Grotte

 

 

 

Il Passo Rolle, giÓ caposaldo di linea austriaco, fu occupato cruentemente dalle truppe italiane della colonna Ferrari (IV Armata) giÓ alla fine del 1915. A nord dello stesso, la cima piatta e trapezoidale del Castellaz fu trasformata dai soldati italiani in caposaldo che fronteggiava le linee nemiche di Paneveggio, del Forte Dossaccio, del massiccio di Cima Bocche. Trincee coperte, resti di baraccamenti e rifugi sono ancora oggi molto evidenti sull'altopiano roccioso che costituisce la cima del Castellaz. A sud del passo Rolle, Cima Tognazza e soprattutto Cima Cavallazza formavano una formidabile barriera per le truppe italiane risalenti da S. Martino di Castrozza: furono prese solo dopo una lotta cruenta. Dopo l'occupazione della zona e lo spostamento della prima linea verso Colbricon e il fondo valle di Travignolo, nei pressi di Paneveggio, tutta l'area fu fortificata e trasformata in acquartieramento per le nostre truppe. Dopo i fatti di Caporetto, la zona fu abbandonata e le valide truppe che per oltre due anni vi avevano combattuto, costituirono sul vicino Monte Grappa la prima barriera contro cui battÚ il nemico avanzante dalla valle del Piave.
 

Home | Camminare, Pensare | Walking Thinking | Sentiero | Le Grotte | Testimonianze | Viso nella Roccia | Benedizione | Raccolta foto | Brain Walking | Rassegna Stampa | Fotostoria | Poesie | Pensieri dalla vetta | Appuntamenti | Links | Contatti | Disegni | Notizie

webmaster by www.morandini.eu